Eiaculazione precoce e posizioni sessuali

Fare sesso quando si ha un problema di eiaculazione precoce può rappresentare un vero e proprio dramma: tempi ridottissimi e molto imbarazzo a seguire. Eppure esistono alcune posizioni che, adottate durante il rapporto di coppia, possono sicuramente dare beneficio alla durata del sesso stesso.

In generale si tendono a suggerire come migliori le posizioni del sesso che vedono un minimo sforzo da parte dell’uomo, lasciando l’intera gestione alla donna: ciò accade soprattutto perché lo sforzo fisico e la troppa concitazione dell’eros possono condurre a stimolare l’eiaculazione e quindi a degenerare la durata del rapporto, che si estingue in pochissimi minuti se non addirittura secondi.

Il Kamasutra, l’antico libro dell’amore erotico orientale, ci propone tantissime soluzioni che permettono alla donna di gestire pienamente il rapporto sessuale, di cui la più famosa fra le posizioni è sicuramente l’Andromaca, ossia quando la lei si trova a cavalcioni sull’uomo e guida in autonomia le spinte e la velocità e la forza di queste. In un buon rapporto di coppia dove esiste comunicazione anche sotto le lenzuola, le dinamiche per prevenire l’eiaculazione precoce possono essere gestite in modo molto agevole direttamente durante il sesso, magari comunicando all’altra il momento più prossimo all’eiaculazione, in modo da gestire i movimenti in diminuendo, oppure fermandosi del tutto, oppure ancora per adottare le tecniche dellosqueeze o dello start and stop.

Ad ogni modo, preferire una posizione piuttosto che un’altra può già essere di ampio aiuto per l’uomo che soffre di eiaculazione precoce, che in un certo qual modo potrà così essere sollevato dal complesso dovuto all’ansia da prestazione, delegando la donna nella conduzione del rapporto sessuale. Nonostante le varianti sessuali dove è lei a comandare il sesso siano diverse e molteplici, è sempre utile non cimentarsi in posizioni particolarmente difficili e/o acrobatiche, perchè il rischio di concentrarsi sulla posizione da adottare per tenere fede alla tradizione orientale del Kamasutra (dove sicuramente coloro che praticavano tali posizioni erano facilitati dallo yoga) genera una tensione fisica e psichica che va ad influire sulla durata della prestazione e quindi a condurre all’eiaculazione precoce dell’uomo.

Fondamentale è però ricordare che solo con la pratica, le giuste tecniche e i consigli adeguati si può vincere la battaglia contro l’eiaculazione precoce, per vivere di nuovo in tranquillità il proprio rapporto di coppia senza più la frustrazione e l’angoscia di sentirsi diversi.